L'Emporio: spirito di gruppo e aiuto

C'è Mariuccia che non svela la sua età, ma conserva l'entusiasmo di una ragazzina quando racconta dei suoi viaggi in auto da Fossano. Due volte a settimana raggiunge Piazza Vineis dove con mascherina e guanti accoglie tante mamme in attesa di riempire le borse della spesa. C'è Giuseppe, 61enne da poco in pensione, che mette a disposizione la sua esperienza di magazziniere "perché mi piace rendermi utile e conoscere altre persone". I 25 volontari coordinati da Spirito Gallo sono il motore dell'Emporio della Solidarietà della Caritas che non si è fermato in tempo di pandemia, nemmeno durante i lockdown.

(((su Instagram @caritassaluzzo le testimonianze dei volontari dell'Emporio)))

Oltre ai neopensionati, ci sono anche 5 volontari "reclutati" tra le fila di chi deve svolgere lavori socialmente utili, grazie alla collaborazione con i Servizi Sociali. Un gruppo eterogeneo, ma affiatato e ben rodato, che ogni lunedì pomeriggio e venerdì mattina apre il portone alle spalle della statua di Silvio Pellico per aiutare famiglie e anziani in difficoltà.

I "CLIENTI" DELL'EMPORIO

In questi ultimi mesi siamo tornati ai livelli prima del Covid - spiega il referente Spirito Gallo - In media arrivano qui circa 45 famiglie per ogni giornata di apertura. La quantità di nuclei assistiti rimane sui 220, per un totale di circa 750 persone. Tra gli stranieri ci sono soprattutto famiglie marocchine, albanesi, romene, qualcuna sudamericana. Dopo il ritorno alla "quasi normalità" di questi mesi, continuiamo a vedere le stesse persone che già prima venivano all'Emporio. Con il Covid é aumentata un po' la percentuale degli italiani: spesso persone sole, anziani. Parecchi facevano lavori saltuari e li hanno persi. Tra gli stranieri  invece, ci sono sopratuttto famiglie numerose con un reddito insufficiente.

Dal cortile in acciottolato affacciato sul "salotto buono" di Saluzzo, le persone entrano alla spicciolata, ritirano un biglietto con un numero progressivo e attendono pazienti stringendo borse di plastica, carrelli. I bambini, sempre molto piccoli se non neonati, penzolano dal collo delle mamme e nel porticato risuona l'eco delle loro risa, pianti, grida, giochi improvvisati nell'attesa. Oltrepassato il selciato, nei locali dell'ex seminario San Nicola, i volontari accolgono le persone una ad una con occhi sorridenti: molti hanno storie conosciute, c'è un'atmosfera tranquilla e famigliare.

SOLIDARIETA' ALIMENTARE

I "clienti" (così come li chiama affettuosamente Spirito Gallo), arrivano dopo una valutazione della loro situazione fatta dai volontari del Centro d'Ascolto in via Maghelona. All'ingresso mostrano una tessera a punti: 1.000 per ritirare alimenti, prodotti per l'igiene e la casa. I più richiesti (che quindi valgono più punti) sono olio di oliva e di semi, uova, caffè, prodotti in scatola (tonno, pelati, legumi...), ma anche detersivo per il bucato e i piatti, candeggina.

A ritirare vengono per lo più donne straniere - spiega Spirito Gallo - mentre tra gli italiani sono uomini, soprattutto anziani soli. Tutti di Saluzzo. Per le altre Parrocchie ci sono le altre Caritas. L'Emporio si approvvigiona dal Banco Alimentare, qualche donazione e acquisti diretti grazie ai fondi della Diocesi. Spendiamo sopratutto per le uova (che non sono previste dal Banco Alimentare), detersivi, carta igienica ... e quando finiscono, integriamo noi l'olio d'oliva, il caffè e lo zucchero per non farli mancare. Qualcosa lo donano i privati, ma pochi. Abbiamo un signore che viene periodicamente con l'auto piena di prodotti vari. C'è un'azienda locale che fornisce mele, pere, kiwi quando possibile. Altre due che ci danno tantissime sottoliette, formaggini, ricotta. Un paio di supermercati donano prodotti con le confezioni danneggiate, frutta e verdura già un po' matura. Abbiamo un panettiere che ci regala l'invenduto.  Ci sono poi piccole offerte in denaro che vengono fatte direttamente qui o alla Caritas con un bonifico.

Chiunque voglia aiutare l'Emporio può farlo consegnando i prodotti donati il lunedì (dalle 15:30 alle 18) e il venerdì (dalle 9 alle 12:30) durante l'apertura in Piazza Vineis. Oppure fare una donazione in denaro all'Associazione AVASS che coordina i volontari dei servizi Caritas.

AVASS ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO
IBAN: IT48C0306946771100000063717
UBI Banca – Sede di Saluzzo

Per informazioni: info@caritassaluzzo.it


Afghanistan e Haiti: come aiutare

In queste settimane tante persone stanno contattando la nostra Caritas per chiedere come portare aiuto e sollievo alle popolazioni colpite dal terremoto ad Haiti e ai rifugiati giunti in Italia dall’Afghanistan tornano in mano ai Talebani.

Nell’isola caraibica, colpita da un devastante terremoto il 14 agosto scorso che ha causato più di 2.500 vittime e oltre 12.000 feriti, Caritas Italiana segnala un altissimo rischio di epidemie come colera e Covid-19. La rete Caritas sta distribuendo kit alimentari e aiuti d’urgenza a 500 famiglie e rilancia l’appello alla solidarietà che la Caritas Diocesana di Saluzzo fa proprio. Al momento c’è bisogno urgente di cibo, ripari, di kit sanitari e soprattutto di interventi che garantiscano acqua e condizioni igieniche adeguate perchè la popolazione è fortemente esposta al contagio di malattie infettive.

 

In Afghanistan, invece, Caritas Italiana è impegnata fin dagli anni Novanta e nei primi anni Duemila ha sostenuto un ampio programma di aiuto di urgenza, riabilitazione e sviluppo, la costruzione di quattro scuole nella valle del Ghor, il ritorno di 483 famiglie di rifugiati nella valle del Panshir con la costruzione di 100 alloggi tradizionali per le famiglie più povere e assistenza alle persone disabili. Tra giugno 2004 e dicembre 2007, due operatori di Caritas Italiana si sono alternati nel Paese con l'obiettivo di coordinare e facilitare le attività in loco. Attualmente l’ambito di attenzione principale è costituito dai minori più vulnerabili.

 

Al momento, secondo stime di Caritas Italiana, sono tra 2.000 e 2.500 i collaboratori afghani del contingente italiano e i loro familiari che nelle scorse drammatiche settimane dovrebbero essere riusciti ad arrivare in Italia.

I profughi afghani arrivati nel nostro Paese tramite i ponti aerei, attualmente vengono inseriti nel sistema di accoglienza ministeriale cioè nei centri Sai (Sistema di accoglienza e integrazione, ex Sprar) di competenza dei Comuni (alcuni dei quali anche nella provincia di Cuneo) e nei centri Cas (Centri di Accoglienza Straordinaria) che fanno riferimento alle Prefetture, dopo un periodo di quarantena nei Covid Hotel.

Per queste persone si aprirà quindi l’iter per il riconoscimento dello status di rifugiati politici ed un lungo percorso di integrazione (dall’apprendimento dell’italiano alla ricerca di un lavoro).

 

Carlo Rubiolo, Direttore della Caritas diocesana di Saluzzo, invita alla solidarietà:

 

La tragedia dell’Afghanistan e il disastroso terremoto ad Haiti sono situazioni drammatiche che ci toccano tutti nel profondo. Credo che anche questa volta, come in altre occasioni, la comunità saluzzese vorrà far sentire la sua vicinanza alla popolazione caraibica e ai rifugiati afghani che hanno raggiunto il nostro Paese. Caritas Italiana è presente in questi Paesi da molti anni attraverso le sue attività che invito a sostenere con una donazione diretta. Come Caritas diocesana proponiamo di seguire le indicazioni ricevute da Don Soddu, Presidente di Caritas Italiana,  e rivolgere tutti gli aiuti possibili verso i programmi e le azioni di aiuto già attivi in quei Paesi”

 

È possibile sostenere gli interventi di Caritas Italiana tramite:

 

- conto corrente postale n. 347013

- donazione online sul sito  www.caritas.it

- bonifico bancario tramite Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma –Iban: IT24 C050 1803 2000 0001 3331 111

(causale “Terremoto Haiti” oppure causale “Emergenza Afghanistan”)

 

Ricordiamo che tutte le donazioni a Caritas Italiana sono deducibili e detraibili per aziende e privati.

(foto di Caritas Italiana)


Inaugurata la nuova Cappella

Venerdì 30 luglio, all'alba del suo 53esimo compleanno, il nostro Vescovo ha celebrato la Messa per inaugurare la rinnovata Cappella al fondo del cortile della Caritas in corso Piemonte 63.

Alla celebrazione, riservata ad operatori e volontari (era presente anche il nostro Direttore Carlo Rubiolo), hanno partecipato una ventina di persone. Il Vescovo ha concelebrato insieme a Don Andrea Dellatorre della Comunità Cenacolo (che con i suoi volontari gestisce la Casa di Prima Accoglienza intitolata a Monsignor Bona) e Frate Andrea Nico Grossi, francescano della fraternità di San Bernardino.

La Messa è stata voluta da Monsignor Bodo per riaprire la piccola Cappella detta “del Pozzo” (per la presenza di un antico pozzo artesiano proprio sotto l’altare) ristrutturata grazie all’operosità dei volontari della Comunità Cenacolo. Nella sua omelia, il Vescovo ha ricordato che

"la carità é un segno indelebile della presenza di Dio nella nostra vita” ed ha ringraziato “le tante persone qui spinte a mettersi al servizio degli altri per gratuità e fede. Questo luogo, che normalmente viene chiamato "il Pozzo" perché l'acqua è vita, ci richiama l'incontro fra la donna e Gesù al Pozzo. Questo luogo può diventare luogo che sa cambiare la vita di tanti uomini e donne dando loro dignità, donando lungo il loro cammino il dono inestimabile della fede".

Il Vescovo si è augurato che la “Cappella del Pozzo”

"sia un luogo dove la carità scorre e sia segno per ricordarci che Dio è amore, che sia un luogo della riconciliazione, dell'amicizia, del silenzio: quel Pozzo che sa saziare la sete di Dio". Infine ha definito la Caritas di Saluzzo "la quarta perla della nostra Diocesi" perché "una Chiesa senza Caritas é perdente, morta, non ha futuro. La Caritas è segno concreto della presenza di Dio in noi e nella comunità anche se non è sempre facile umanamente. Non c'è Caritas senza preghiera vera, non c'è dialogo senza carità".

Al termine della celebrazione operatori e volontari hanno festeggiato il compleanno di Monsignor Bodo con canti e un piccolo buffet di dolci.

Il Direttore Carlo Rubiolo ha espresso da parte sua e di tutti gli operatori e i volontari un sincero augurio per il compleanno del Vescovo, ringraziandolo per la sua presenza e la sua costante attenzione all'attività svolta dalla Caritas.


Chiusure estive dei servizi Caritas

Anche i nostri volontari si prendono una meritata pausa estiva:

da lunedì 16 a venerdì 27 agosto sarà chiuso l'Emporio della Solidarietà in piazza Vineis a Saluzzo

riaprirà lunedì 30 agosto

un ringraziamento al referente Spirito Gallo e a tutti i volontari e le volontarie che hanno garantito le due aperture settimanali anche in questi primi mesi del 2021

chiude per un paio di settimane anche la boutique solidale "Ri-Vestiti" in via Volta 8

dal 1 al 15 agosto il nostro negozio di "second hand" si prende una vacanza

un ringraziamento alla referente Susanna Eandi e a tutte le volontarie che hanno continuato con un sorriso ad accogliere le persone che con le loro donazioni sostengono le borse lavoro erogate dal Centro di Ascolto


Progetto Ubuntu: parla il Vescovo

Riportiamo di seguito il messaggio del Presidente della nostra Caritas, Mons. Cristiano Bodo, di cui è stata data lettura giovedì 15 luglio in occasione della presentazione del progetto "UBUNTU - Io sono perché noi siamo (in lingua bantu)" promosso dal Comune di Saluzzo (capofila), in collaborazione con il Consorzio socio-assistenziale Monviso Solidale e la Caritas diocesana di Saluzzo. Il progetto, avviato dal giugno 2021, si concluderà a dicembre 2022 grazie al contributo di Fondazione Compagnia di San Paolo, Fondazione CRC e Fondazione De Mari attraverso il bando "Territori Inclusivi".

Il progetto punta all'integrazione delle persone con background migratorio attraverso azioni inerenti la comunicazione, il sostegno all'inserimento abitativo e la formazione di volontari e operatori del terzo settore.

"Nelson Mandela scrisse che “In Africa esiste un concetto chiamato Ubuntu, il cui senso profondo è che noi siamo uomini solo grazie all'umanità altrui e che se, in questo mondo riusciamo a realizzare qualcosa di buono, il merito sarà in egual misura anche del lavoro e delle conquiste degli altri”

Sempre Mandela affermò che “Una persona che viaggia attraverso in Africa se si ferma in un villaggio non ha bisogno di chiedere cibo o acqua: subito la gente le offre del cibo, la intrattiene. Ecco, questo è un aspetto di Ubuntu, ma ce ne sono altri. Ubuntu non significa non pensare a se stessi; significa piuttosto porsi la domanda: voglio aiutare la comunità che mi sta intorno a migliorare?”

Ubuntu è un’etica dell’Africa sub-Sahariana dalla quale provengono la maggior parte dei braccianti agricoli che ogni anno raggiungono il Saluzzese per la raccolta stagionale della frutta e che rappresentano la maggior parte delle persone con background migratorio presenti nel nostro territorio.

Questa etica, che si focalizza sulla lealtà e sulle relazioni reciproche tra le persone, sulla “benevolenza verso il prossimo” come dal suo significato in lingua bantu, è una regola di vita, basata sulla compassione, il rispetto dell’altro, che molto ha a che fare con la missione della nostra Caritas.

Nell’ambito di questo progetto, la Caritas diocesana di Saluzzo intende portare avanti, in sinergia con il Comune (in qualità di capofila) e il Consorzio Monviso Solidale, una serie di azioni volte a creare le precondizioni (dal punto di vista della comunicazione, dell’integrazione abitativa e della formazione di operatori e volontari del terzo settore) affinché la nostra comunità sia pronta a maturare lo spirito di Ubuntu.

Il motto «Io sono perché noi siamo» ci esorta a sostenerci e aiutarci reciprocamente, a prendere coscienza non solo dei diritti, ma anche dei doveri, poiché è una spinta ideale verso il riconoscimento di un legame comune, che genera comunità.

Il concetto di Ubuntu, che attraverso Mandela è divenuto uno dei principi fondamentali della nuova repubblica del Sud Africa, è lo stesso connesso con l’idea di un Rinascimento Africano che non pare molto lontano dallo spirito di ricostruzione che respiriamo nel periodo Covid.

La necessità di costruire una comunità inclusiva, per la nostra Caritas punterà sull’inclusione e l’autonomia abitativa delle persone migranti coinvolte nel progetto, attraverso l’attivazione di una rete fatta da operatori e volontari, formati attraverso azioni sinergiche con il Consorzio Monviso Solidale. Queste persone saranno accompagnate, attraverso forme di intermediazione immobiliare solidale e sussidi all’affitto, verso una stabilizzazione della loro presenza, che possa consentire anche una mutazione del racconto e della percezione delle persone migranti nella popolazione saluzzese, grazie alle azioni di cambiamento narrativo poste in essere con il Comune.

Creare un territorio inclusivo, per la Caritas diocesana di Saluzzo, significa costruire le condizioni affinché le persone migranti possano esprimere se stesse, sradicare stereotipi e pregiudizi attraverso azioni di comunicazione mirate alla popolazione locale ed ai professionisti del settore, inserire le persone migranti nel tessuto socio-economico attraverso il lavoro, la casa, relazioni di aiuto significative.

Grazie alle risorse messe a disposizione dalla Compagnia di San Paolo, dalla Fondazione CRC e dalla Fondazione De Mari attraverso questo progetto, la Caritas diocesana proverà con i suoi operatori e volontari ad essere parte attiva di quella comunità che, grazie ad una rete sinergica, potrà costruire un cambiamento inclusivo del territorio.

Ubu significa “ciò che avvolge, l’unità”, “essere”. Ntu rimanda all’azione dello sviluppare, del divenire. La Caritas diocesana, in questo progetto, vuole provare a diventare una parte di un’unità (fatta da tanti soggetti) che possa sviluppare una costruzione del senso di comunità sempre più inclusivo verso chi ha scelto, per motivi di vita, lavoro, relazioni, di diventare parte di questo territorio."


Il Vescovo sui 50 anni della Caritas

Pubblichiamo la riflessione del Vescovo di Saluzzo, Monsignor Cristiano Bodo, Presidente della nostra Caritas, dal titolo "Fraternità contemplativa e Caritas" in occasione del 50esimo anniversario della Caritas Italiana.

"É necessario che in ogni epoca vi siano degli innamorati di Dio, con tutte le forze, amarlo unicamente, diventa la scopo fondamentale della vita dell’uomo, il primo e più grande comandamento!

É necessario che in ogni epoca dei “folli di Dio”, capaci di imitare e contagiare gli altri, capaci di contagiare gli altri per suscitare uomini e donne che cercano Dio e la realizzazione della loro vita.

Ecco la “Caritas”, promuove questo cammino, attraverso la testimonianza del vangelo, che si incarna nel tessuto della vita tra gli uomini.

Il primo ad attuare questo nella nostra Italia fu Mons. Giovanni Nervi, dopo che Papa Paolo VI, istituì la “Caritas”, il quale scriveva: “la Caritas deve promuovere nella Chiesa la scelta preferenziale dei poveri, banco di prova per verificare quanto effettivamente la carità è presente nella Chiesa”.

Sappiamo di dover essere una sfida al compromesso con la mentalità del nostro tempo, così materialistica, una sfida ad ogni mediocrità e misura riduttiva di vivere il Vangelo.

Consapevoli di non essere sempre all’altezza di dare un buon esempio all’uomo di oggi.

Il Vangelo al centro del nostro cammino pastorale, alla luce della lettera pastorale:

“Fraternità contemplativa”, diventa per la “Caritas diocesana”, l’impegno di continua conversione, in uno stile di vita più sobrio e umile.

Dilatando il nostro cuore in una smisurata capacità di amore verso Dio e verso il prossimo rendendoci fratelli e sorelle, padri e fratelli, di tutti gli uomini e donne.

Senza dimenticare che la più grande carità anche se a volte ci dimentichiamo è la preghiera che coinvolge tutta l’umanità e dà voce a Dio nel mondo.

Prima ho usato audacia, perché mi sembra quello che davvero meglio esprime la fortezza oggi necessaria per osare di mettersi all’opposto della mentalità corrente.

Un filosofo contemporaneo afferma: “I tempo della notte del mondo è il tempo della povertà, perché diviene sempre più povero al punto di non poter riconoscere la mancanza di Dio come mancanza” (Heidegger).

“Noi osiamo sperare, sperare tenacemente, mentre, piangendo, gettiamo nel solco la nostra piccola vita e attendiamo, come il contadino del Vangelo, di veder spuntare i germogli della nuova stagione … perché la carità è miracolo (Madre Canopi).

La Caritas è il segno più vero della presenza di Dio nella vita del mondo, nella nostra società e nel mondo che grida: “Ho fame …”.

Promuoviamo una strada per far crescere il seme che dia un raccolto abbondante e doni all’umanità il necessario per vivere e attualizzare il Vangelo della carità nel nostro oggi.

Camminiamo insieme, nella fraternità, Vescovo e preti, suore e diaconi, cristiani e laici, per stimolare tutti alla solidarietà, e vivere il Vangelo per annunciarlo all’uomo del nostro tempo.

Auguriamoci un cammino fruttuoso."

Cristiano, Vostro Vescovo


Visita del Vescovo a Casa Mons. Bona

Martedì 6 luglio il Vescovo di Saluzzo, Monsignor Bodo, ha visitato il cortile, la cappella e gli spazi di Casa Monsignor Bona, pranzando con Frate Andrea Nico Grossi, i volontari della Comunità Cenacolo e un giovane operatore dell'Associazione AVASS (associazione dei volontari Caritas).

La visita è stata l'occasione per un aggiornamento sulla situazione dell'accoglienza che era stata riaperta il 25 marzo. A tre mesi di distanza, nel Dormitorio in corso Piemonte 63 sono ospitate 10 persone su 11 posti letto disponibili, esclusivamente maschili. Si tratta di braccianti africani (cinque persone), ma anche persone senza dimora di nazionalità italiana, indiana e romena, alcuni con problemi di dipendenze o usciti da poco dal carcere. Alcuni sono stati indirizzati da altre Caritas come quella della Valle Po oppure già conoscevano il servizio per via della distribuzione dei pasti negli anni passati. L'ospitalità è garantita loro per un mese, durante il quale oltre ad un posto letto hanno a disposizione la lavanderia e il servizio Mensa.

A pranzo sono fra le 50 e le 60 le persone che trovano posto nel cortile di corso Piemonte 63 dove, nel rispetto del distanziamento anti Covid, sotto i gazebo vengono distribuiti i pasti preparati da Frate Andrea Nico Grossi della Fraternità di San Bernardino, aiutato dai volontari della Comunità Cenacolo che in due risiedono stabilmente nella struttura. Frate Andrea pone particolare cura e rispetto attraverso il servizio mensa, garantendo alternative ai commensali che in questo periodo sono in maggioranza braccianti stagionali di fede musulmana. A cena prima veniva dato un piatto da asporto, ora per dare più dignità, i commensali vengono fatti accomodare sotto i gazebo con un vassoio con pasta, frutta e pane. In totale in questo periodo sono quindi 100 / 120 i pasti distribuiti dalla Mensa.

Mons. Bodo si è complimentato per il rifacimento del cortile e della cappella oltre che per la gestione dell'accoglienza. Il Vescovo ha raccolto i bisogni portati dai volontari, legati soprattutto alla necessità di reperire materie prime per la mensa (in particolare carne), ma anche prodotti per la pulizia della casa e l'igiene personale, così come asciugamani da bagno dal momento che il servizio docce rimane aperto anche per i braccianti stagionali, con la collaborazione degli operatori del progetto Saluzzo Migrante.

Ancora una volta Mons. Bodo ha ribadito l'importanza che questo servizio ricopre per l'aiuto alle persone in difficoltà nel territorio diocesano, confidando che la comunità dia segno della sua storica solidarietà, sia attraverso il volontariato in Mensa sia attraverso un supporto materiale.

Frate Andrea Nico Grossi:

C’è un bel rapporto e un bel clima con i giovani operatori di Saluzzo Migrante che si occupano anche di questi ragazzi. La Mensa vorremmo che appartenesse al territorio, anche attraverso la presenza di volontari che, con criterio (visto il Covid), possano entrare a darci una mano. Anche la Mensa è uno straordinario strumento di evangelizzazione.

Per sostenere la Casa di Prima Accoglienza: Sostieni - Caritas Saluzzo

Per candidarsi come volontari: Volontari - Caritas Saluzzo

 


Chiusura estiva raccolta abiti

Avvisiamo che nei mesi di luglio e agosto il nostro servizio di raccolta e distribuzione di abiti in via Maghelona 7 (con il ritiro del materiale il mercoledì dalle 9 alle 11 e la distribuzione il giovedì dalle 9 alle 11) sarà CHIUSO.

Resterà invece regolarmente aperta la boutique "Ri-Vestiti" in via Volta 8 dove, a fronte di una piccola donazione, è possibile trovare abiti, accessori e scarpe di seconda mano.

Come sempre le donazioni raccolte saranno gestite dal Centro di Ascolto per l'attivazione di borse lavoro a sostegno delle persone in difficoltà seguite dai nostri volontari.

"Ri-Vestiti" rimane aperta il martedì dalle 9 alle 12, il mercoledì e il venerdì dalle 16 alle 19.


Esperienze con il progetto Apri (3)

K. è stato intercettato dal Presdio Saluzzo Migrante nel 2018, quando dormiva nel dormitorio “PAS - Prima Accoglienza Stagionali” creato per il primo anno dal Comune di Saluzzo. Gli operatori lo hanno incontrato perché aveva iniziato a manifestare una serie di forti dolori e dopo diversi accertamenti medici, grazie all’Ambulatorio Medico Stagionali, gli è stata diagnosticata una tubercolosi ossea.

Per tutto il 2019 K. ha affrontato una lunga serie di esami medici nel reparto per le malattie infettive dell’ospedale Santa Croce e Carle di Cuneo, iniziando una terapia portata avanti anche nel corso del 2020. Nonostante abbia trovato lavoro in agricoltura, la malattia gli impedisce di fare  lavori pesanti, tanto da prefigurare una procedura di richiesta per l’invalidità che gli permetterà di trovare un inserimento lavorativo più adatto alle sue condizioni di salute precarie.

Una buona notizia è che nel frattempo K. ha finalmente ottenuto il rilascio della sua carta d’identità e nei prossimi mesi potrà sostenere l’esame per la patente di guida.

Qui a Saluzzo è conosciuto come “il barbiere della comunità africana”, ma in Costa d’Avorio faceva il meccanico per motorini e auto, arrivando ad aprire un’officina di riparazioni tutta sua.

Enzo Paolo, pensionato e tutor di K., raccontale motivazioni che lo hanno spinto a diventare volontariato per il progetto “Apri” che oggi attraverso la Caritas di Saluzzo coinvolge 9 migranti residenti da tempo sul territorio:

È la prima volta che faccio volontariato: mi sono avvicinato perché mio figlio ha fatto 6 mesi di tirocinio con il Presidio Saluzzo Migrante e mia figlia ha deciso di vivere l’esperienza di coabitazione con altri giovani nel cohousing “Casetta”. Attraverso loro ho conosciuto la Caritas, le persone che aiuta e ho dato la mia disponibilità. “Apri” è una bella esperienza che mi ha aperto la strada ad una nuova vita dopo la pensione.

Incontrare K. è stata un’esperienza bella per aprire gli occhi: mi sono un po’ buttato nell’insegnamento dell’italiano, a seconda di quello di cui aveva bisogno. A volte abbiamo studiato e fatto i compiti di italiano assieme, altre volte dei giri in macchina per imparare i cartelli stradali che fino ad allora aveva studiato solo sul libro di teoria per la patente”.

Leggi l'esperienza di Marisa - Esperienze con il progetto Apri (1) - Caritas Saluzzo

Leggi l'esperienza di Giulia - Esperienze con il progetto Apri (2) - Caritas Saluzzo


A Roma per i 50 anni di Caritas

Anche una piccola delegazione guidata dal Direttore Carlo Rubiolo con quattro volontari, insieme alla Presidente dell'Associazione AVASS e alla responsabile della segreteria amministrativa, Ivana Capellino, hanno raggiunto Roma per le celebrazioni del 50esimo anno di fondazione della Caritas che hanno coinvolto 218 Diocesi italiane. Sabato 26 giugno, al mattino, hanno assistito nell'Aula Paolo VI all'udienza con il Santo Padre che ha voluto incontrare Direttori e volontari delle équipe diocesane da tutto il Paese. Nella Basilica di San Paolo fuori le mura hanno incontrato il Presidente della CEI, il Cardinale Gualtiero Bassetti e il Direttore di Caritas Italiana, Don Francesco Soddu (nelle foto).

Nata il 2 luglio 1971, per volere di Paolo VI, nello spirito del rinnovamento avviato dal Concilio Vaticano II, la Caritas Italiana è l'organismo pastorale della Conferenza Episcopale Italiana per la promozione della carità. Ha lo scopo cioè di promuovere «la testimonianza della carità nella comunità ecclesiale italiana, in forme consone ai tempi e ai bisogni, in vista dello sviluppo integrale dell'uomo, della giustizia sociale e della pace, con particolare attenzione agli ultimi e con prevalente funzione pedagogica» (art.1 dello Statuto).

Nel corso di questi 5 decenni ha continuato ad animare il territorio alimentando una cultura della prossimità e della solidarietà. Molti gli ambiti di intervento, in Italia e nel mondo: attività di formazione, studi, ricerche, vicinanza alle vittime di calamità naturali e conflitti, emergenza e ricostruzione, impegno per la giustizia sociale accanto ai più poveri ed emarginati, integrazione di migranti e rifugiati, interventi di sviluppo ed investimenti etici, cooperazione fraterna per lo sviluppo integrale e la pace.

Nel percorso per il 50esimo anniversario della Caritas, si sono tenuti due eventi importanti a Roma: venerdì 25 giugno, nella Basilica di San Paolo fuori le mura, un momento di preghiera che ha ripercorso attraverso testimonianze i 50 anni di storia di Caritas Italiana, a partire dai ricchi frutti del Concilio Vaticano II, con l'intervento di Sua Eminenza, il Cardinale Luis Antonio Tagle, prefetto della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli e presidente di Caritas Internationalis. Sabato 26, invece, l'Udienza con il Santo Padre preceduta da un momento di fraternità e di riflessioni condivise con focus sul percorso biennale realizzato verso il 50° di Caritas Italiana.